16 Maggio 2022

ETICAR: resoconto dei primi mesi 2023

Il progetto ETICAR procede in un'ottica di confronto e trasparenza. Queste le principali novità:

  • Sotto l'aspetto normativo, le polizze sottoscrivibili nel progetto ETICAR beneficiano di un'interessante estensione alla garanzia di tutela legale, specifica per la copertura di veicoli elettrici/ibridi plug-in. Tale estensione entra nel merito dei particolari rischi che il modello di alimentazione di queste auto può comportare: si attiva nel caso di procedimenti e/o vertenze legali conseguenti l’installazione del wallbox presso l’abitazione o per controversie con il fornitore di energia elettrica delle colonnine o con chi eroga il servizio di noleggio delle batterie.

  • Dall'inizio dell'anno si sono tenuti un paio di incontri organizzati da RIES ed a cui sono stati invitati tutti i gasisti aderenti al mondo dell'economia solidale.
    Durante queste serate si è dibattuto sulle modalità di gestione della relazione tra i vari soggetti coinvolti, sono stati chiariti alcuni aspetti tecnico-operativi legati al progetto e si sono individuati gli strumenti più adatti per far conoscere l'intera filiera assicurativa coinvolta. A questo link trovate un breve resoconto dell'ultimo incontro tenutosi il 02/03/2022.

  • Il 24 marzo 2022 si è invece riunita la Commissione ETICAR, cui hanno partecipato i referenti dei soggetti “consumatori” aderenti al progetto:
    • Maurizio De Stefano per il GAS Friarelli
    • Pietro Negri per RIES
    • Grazia Pratella per l’Associazione nazionale Banche del Tempo
    • Alessandro Dosi per Banca Etica
    • Laura Bonomi per Amnesty International – Sezione italiana
      oltre ai rappresentanti di Assimoco e noi di CAES in qualità di promotori dell’iniziativa.

La Commissione Eticar ha come obiettivo quello di verificare l’andamento tecnico della convenzione. Oltre a essere un’occasione preziosa di confronto e scambio, per discutere nuove idee e proposte migliorative del progetto ETICAR.

Fra i temi affrontati vi sono stati i seguenti:

  • la polizza RCA “a consumo”. Il tema era già stato messo sul tavolo durante precedenti incontri di Commissione ma allo stato attuale non si era ancora realizzato nulla. La richiesta di una copertura di questo tipo è condivisa dai rappresentanti di tutte le realtà aderenti in quanto sinonimo di un uso consapevole dell'autovettura e quindi funzionale in un'ottica di sostenibilità. La prospettiva offerta da Assimoco su questo fronte è un prodotto che si avvalga di dispositivi tecnologici e smart, gestibili in autonomia dal cliente e che consentano una personalizzazione del prodotto anche in funzione dello stile di guida e non solo del tempo di utilizzo o del chilometraggio percorso. Una proposta che verrà inserita nel piano prodotti della Compagnia e definita entro il 2023 e di cui potrà quindi usufruire anche ETICAR;
  • il frazionamento del premio assicurativo su base mensile (attualmente è possibile applicare un frazionamento su base semestrale, quadrimestrale o trimestrale), per dare una maggiore efficacia commerciale al progetto. Pur concordando su questo aspetto, la Compagnia ha evidenziato che quello dell’RCA è un settore molto particolare, con implicazioni tecnico-gestionali specifiche che renderebbero molto difficile gestire il pagamento dei premi, a meno che non ci si avvalga del finanziamento del premio da parte di una banca, con ulteriori oneri in termini di interessi a carico del sottoscrittore della polizza;
  • il contributo ETICAR. Il contributo liquidato nel 2021 e di competenza del 2020 è stato eccezionalmente alto, pari a 9287,65€ mentre il contributo di competenza del 2021 verrà definito, a seguito del consolidamento dei dati sui sinistri avvenuti, dal settembre 2022 in poi.

Tutti i rappresentanti alla riunione hanno concordato sulla necessità e l’opportunità di migliorare e rilanciare ETICAR enfatizzandone il valore aggiunto non solo in termini di prodotto/garanzie ma di “filosofia” e di coerenze dell’intera filiera ed anche le ulteriori soluzioni e servizi nell’ambito della più ampia progettualità ETICAPRO. A fronte dell’alto potenziale del “perimetro” di ETICAR, infatti, i numeri del progetto sono suscettibili ancora di importanti miglioramenti.

Condividi